sabato 28 dicembre 2019

DD 393 – Casca il mondo (- 7 alla meteora!)


Recensione di Mattia Sangiuliano



Struggente storia ad opera di Barbara Baraldi che ci parla di fragilità e caducità della vita. Una storia che calza come un guanto a quel Dylan perennemente alle prese con la sua natura “umana, troppo umana”. La Meteora sembra essere una storia lontana.


Il soggetto di questo mese porta la firma di Barbara Baraldi e ci conduce per mano in una storia che parla di un evento cataclismatico e degli stravolgimenti che potrebbero colpire ognuno di noi. Barbara Baraldi mette in scena la paura del terremoto, che lei ha vissuto in prima persona, approfondendo l’evento e riuscendo a cogliere i cambiamenti che un avvenimento di questa portata può innescare. Comprese le smagliature che si possono verificare in una società “normale”.


Non c’è bisogno di scomodare una meteora che minaccia la Terra dall’altra parte dell’universo. La natura umana sembra essere incline a commettere il peggio in ogni occasione, come da sempre Dylan ci ricorda nelle sue storie. Ancora una volta però il nostro indagatore ci dimostra come non bisogna essere un supereroe per affrontare le calamità ma una persona dotata di quella che dovrebbe essere una caratteristica comune: il senso di umanità, una qualità che ci dovrebbe far riconoscere come fratelli.


Bruno Brindisi, pietra miliare della testata, è il disegnatore chiamato a dare il suo contributo per una storia toccante e con un finale che spiazzerà il lettore. Le chine di Brindisi ancora una volta sono all’altezza della storia: l’uso dei retini, soprattutto per gli interni claustrofobici sconvolti dal sisma, sono caratterizzati da una tridimensionalità incredibilmente realistica che si sposa ad una resa dei particolari quasi lenticolare; i personaggi inoltre sono caratterizzati da un espressionismo che trascina il lettore dentro la storia.

Nessun commento:

Posta un commento

General 728 x 90
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

RED 728 x 90